• home
  • Restauri - Restauri conclusi
  • Il rotolo dipinto giapponese "dei trentatré cavalli", Museo Stibbert, Firenze

  • Alla stanga, Giovanni Segantini, Galleria nazionale d'arte moderna, Roma

  • Tibiae, Museo degli Strumenti Musicali, Roma

  • Rotella da parata in cuoio. Museo Bagatti-Valsecchi, Milano

  • Gli affreschi di Polidoro da Caravaggio dal Casino del Palazzo del Bufalo a Roma

  • Angelo in maiolica, Museo dell'Opera del Duomo di Orvieto

  • Storie di Sant'Orsola. L'arrivo a Colonia, Vittore Carpaccio, Gallerie dell'Accademia, Venezia

  • La cassaforte della casa dei Vettii, Pompei

  • Cromatica, Guido Strazza, Macro, Roma

  • Mappa toroidale di 5 paesi e 4 colori, Sergio Lombardo, Macro, Roma

  • Il Satiro Danzante di Mazara del Vallo

  • La peschiera della villa romana di Torre Astura, Nettuno, Roma

  • Il polittico di Santa Sabina, cappella di San Tarasio, chiesa di San Zaccaria a Venezia

  • Elefantino di piazza della Minerva a Roma

  • Baia sommersa, Villa dei Pisoni, Pavimento in mosaico bianco

  • Baia sommersa, Terme di Punta dell'Epitaffio. Pavimento in opus sectile

  • Baia Sommersa, Via Erculanea

  • Pietà con San Giovanni, la Maddalena e un Vescovo, Chiesa di Sant'Agostino, Gallese

  • Il Mitra tauroctono dalla Civita di Tarquinia

  • Gonfalone storico dell'università La Sapienza di Roma

  • Amore in caccia, Adamo Tadolini - Museo Mario Praz

  • Bandiera storica Guardia di Finanza, Roma

  • Bandiera della Repubblica Romana, 1849

  • Clipeo raffigurante il Salvatore Benedicente, Guidonia Montecelio (RM)

  • La Madonna con i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo di Guercino

  • Chiesa di Santa Marta
    stucchi della controfacciata

Restauri conclusi

  • Il San Giovanni Battista di Luigi Valadier, battistero Lateranense

    L’intervento di restauro della scultura in bronzo di San Giovanni Battista di Luigi Valadier si è svolto nell’ambito di una convenzione stipulata tra la Galleria Borghese e l’Istituto, in occasione della mostra ‘Valadier. Splendore nella Roma del settecento’, inaugurata il 30 ottobre 2019 e dedicata esclusivamente all’opera del celebre orafo, ebanista e bronzista romano. La scultura, trasferita dal Battistero di San Giovanni in Fonte in Laterano, ove è normalmente custodita, è stata collocata temporaneamente nel portico della Galleria Borghese, lato destro, spazio allestito nella forma di cantiere aperto ai visitatori del museo in cui si è svolto l’intervento di restauro.

     

     

    ...

  • Il Pastore di Arturo Martini

    Il Pastore di Arturo Martini, opera della Galleria d'Arte Moderna (GAM) a Roma, capolavoro della collezione capitolina e della scultura italiana del 900, un'opera tra le più suggestive della maturità dell'artista, è arrivata in istituto nel maggio del 2014. L'opera aveva subito nel tempo danni molto gravi  ed era necessario verificare il suo stato di conservazione e l'efficacia nel tempo dell'importante restauro del 1975, ove furono pazientemente ricomposti i frammenti dopo una caduta accidentale. Il Pastore è stato in Istituto per un anno intero che ha aggiunto al restauro propriamente detto, un'attività quasi investigativa, indagando minuziosamente la materia attraverso il lavoro di un’équipe multidisciplinare. Nell’ambito dei fattivi rapporti di collaborazione che da anni intercorrono tra le due istituzioni, il lavoro è stato finanziato dalla Fondazione Paola Droghetti onlus grazie all’erogazione di due borse a due giovani restauratori diplomati presso la Scuola dell’ISCR, Susanna Bassotti e Enrico Cragnolini .
    Grazie alla stessa Fondazione è stato anche pubblicato il volume Potenze Naturali. Il Pastore di Arturo Martini. Storie di restauro, a cura di M. Catalano, L. D’Agostino, Gangemi Editore, Roma 2015.

    Si ringrazia l'ingegnere Giovanni Aliprandi per la sua preziosa consulenza nell'ambito della tecnologia di produzione delle argille refrattarie.
    Si ringraziano inoltre i colleghi ICR: Roberto Ciabattoni, per il contributo dato all'indagine endoscopica effettuata all'interno del basamento della scultura, Giovanni Carelli, Flavio Garzia e Alessandro Pierangeli per le movimentazioni dell'opera.

     

     

     

    ...

  • I Busti ritratto di Palazzo Corsini

    Procedendo dall’ampio androne si salgono trentaquattro scalini e si arriva sul pianerottolo del piano nobile……. è la prima pausa dei visitatori prima di percorrere la galleria dei busti-ritratti che conduce verso il museo di Palazzo Corsini. (Borsellino, 1995).
    In questo prestigioso percorso sono esposti gli undici busti che fanno parte della collezione di opere antiche e pseudo antiche catalogate da Gioia de Luca nel 1976, il primo e unico importante contributo su una parte delle sculture di Palazzo Corsini.

    Grazie alla collaborazione con l’Accademia dei Lincei e Palazzo Corsini, i busti ritratto sono stati selezionati per l’attività didattica della SAF dell’Istituto Centrale per il Restauro -  a.a. 2019-2020 - percorso professionalizzate PFP1.

    I busti presentavano uno stato di fatto e una storia conservativa molto interessante ai fini didattici.
    Le opere dopo essere state utilizzate come arredi negli ambienti interni ed esterni di Palazzo Corsini (residenza della famiglia Corsini dal 1738), successivamente, a seguito dell’acquisizione (1883) da parte dello Stato della Galleria Nazionale e della collezione contenuta, i ritratti subiscono incaute  movimentazioni, sino ad essere esposti nella cosiddetta “Galleria dei ritratti”.
    Questi eventi hanno influito sulla conservazione dei busti; infatti molti di essi presentano evidenti interventi di restauro e di rifacimento, storicizzati, alcuni eseguiti nella seconda metà del settecento, altri nell’ottocento.
    L’intervento di restauro si è limitato a restituire la fruibilità delle superfici lapidee e a rimuovere, dagli stessi, tutti quei materiali non idonei alla conservazione.
    Il progetto conservativo dei busti ritratto è stato elaborato sulla base del criterio metodologico che prevede le fasi preliminari ricognitive e diagnostica-conoscitiva dello stato di conservazione, in relazione al materiale costitutivo, alle tecniche di lavorazione e allo studio dell’interazione dei degradi presenti sulle superfici lapidea.

     

    ...

  • Gonfalone storico dell'università La Sapienza di Roma

    L’intervento di restauro è stato condotto in occasione delle Celebrazioni per gli 80 anni della Nuova Città Universitaria, Roma 1935. E' stato esposto durante i lavori del convegno in Aula Magna (23-25 novembre 2017).

    Il Gonfalone storico dell'Università La Sapienza di Roma è un manufatto tessile di ampie dimensioni (cm. 270 x 132) in seta, con ricami policromi e in filato metallico. Reca nel riquadro centrale l’icona storica del cherubino che rappresenta la pienezza di scienza e  in basso la lupa con i gemelli, simbolo di Roma. Nelle fasce verticali ai lati sono applicati gli otto stemmi delle facoltà e scuole che costituivano nel 1933 lo "Studium Urbis".

    Il gonfalone è attualmente esposto nella Sala del Senato Accademico del Rettorato dell'Università di Roma.

    Il restauro ha interessato unicamente le zone originali del manufatto quali il riquadro centrale e le fasce laterali di seta ricamate.

     

    Si ringraziano le ditte Barbara Santoro e Zahra Azmoun per la collaborazione al restauro.

     

    ...